Luceplan

La vostra selezione:   
184 risultati
Luceplan
184 risultati
Filtra per:
 su 3
72 h
€ 949,-
13 gg-3 sett
€ 2.863,-
3 sett
€ 302,-
3 sett
€ 2.805,-
72 h
€ 825,-
48 h-4 gg
€ 861,-
72 h
€ 714,-
72 h
€ 205,-
72 h
€ 285,-
3 sett
€ 1.592,-
72 h
€ 281,-
3 sett
€ 1.506,-
13 gg
€ 721,-
9 gg
€ 122,-
3 sett
€ 1.618,-
72 h
€ 403,-
2 sett
€ 647,-
72 h
€ 539,-
3 sett
€ 990,-
3 sett
€ 423,-
72 h
€ 354,-
3 sett
€ 310,-
72 h
€ 262,-
72 h
€ 374,-
72 h
€ 90,-
La vostra selezione:   
184 risultati
Luceplan
184 risultati
Filtra per:
 su 3
 

Le lampade Luceplan – Illuminotecnica avanzata & produzione sostenibile

Le lampade di Luceplan combinano design sofisticato e moderna illuminotecnica con una produzione sostenibile e rispettosa dell'ambiente. Il produttore italiano, con sede a Milano, è uno dei più famosi e apprezzati produttori d’apparecchi d’illuminazione al mondo. L’azienda Luceplan viene fondata nel 1978 dai tre architetti
Riccardo Sarfatti, Paolo RizzattoSandra Severi. Riccardo Sarfatti è il figlio di Gino Sarfatti, anche noto designer e imprenditore e fondatore del marchio di culto italiano Arteluce. Arteluce contava negli gli anni ‘40 e ‘50 tra i più conosciuti e apprezzati produttori di raffinate lampade di design. I fondatori dell’azienda Luceplan Sarfatti, Rizzato e Severi raccolsero le loro prime esperienze nel settore del lighting design durante la collaborazione con Arteluce. Il punto di partenza per la fondazione di Luceplan fu il desiderio di creare apparecchi d’illuminazione di design d’alta qualità, che garantiscono una luce della miglior qualità possibile con il più basso consumo energetico, ma che siano anche a basso impatto ambientale.

La tutela dell'ambiente è uno dei pilastri più importanti integrati nella filosofia aziendale di Luceplan. Per le lampade, il produttore italiano d’alto livello, sceglie

spesso materiali ecocompatibili, con la possibilità d’un riciclo successivo del materiale. Già durante la progettazione e lo sviluppo d’una nuova lampada si tiene conto se il materiale utilizzato s’adatta al riciclaggio oppure no. La questione della sostenibilità non si limita quindi a singole fasi di produzione, ma copre l'intera catena del valore. Un altro aspetto che viene preso in considerazione è quello della longevità. Le lampade di Luceplan vengono progettate in modo che il loro design sopravvive alle mode o le tendenze del momento – dei classici dal design intramontabile, che neanche col passare del tempo perdono il loro particolare fascino. Anche la questione della durata di vita svolge un ruolo importante in questo contesto: le lampade di Luceplan sono frutto d’un processo produttivo altamente qualitativo e realizzate con materiali robusti. Tutti i prodotti di Luceplan hanno dunque una lunga durata di vita, contribuendo a comprimere i volumi degli imballi e sostenendo la salvaguardia dell’ambiente.

Per realizzare questi ambiziosi obiettivi, è richiesto un design sofisticato e ben pensato. Anche in questo caso, Luceplan si profila come un produttore di classe mondiale e collabora,

con alcuni tra i più famosi designer nel campo dell'illuminazione, tra cui:
Giancarlo Fassina o Ross Lovegrove, colui che realizzò per Luceplan l’innovativa lampada da parete Goggle. Una delle menti più creative del team di Luceplan è l’italiano Alberto Meda, che ha progettato per Luceplan alcune delle lampade più famose e di maggior successo. Spesso Meda collabora con il cofondatore di Luceplan Paolo Rizzatto per elaborare e lanciare nuovi concept di prodotto. Uno dei principali obiettivi dei due designer è la concettualizzazione d’una illuminazione moderna e tecnologicamente avanzata pensata per il posto di lavoro, come dimostra il successo delle lampade da scrivania Luceplan Berenice e
Fortebraccio, disegnate entrambe da Rizzatto/Meda. Meda, noto per il suo design funzionale, sa nascondere la tecnologia che sta alla base dei suoi prodotti ed è considerato uno dei più noti lighting designer in ambito italiano. Egli dà poco valore ad elementi decorativi -  mette in primo piano di solito l’utilità e la funzionalità del prodotto. Meda stesso descrive le sue opere "cose semplici".


Designer


Alberto Meda
Il designer industriale Alberto Meda è noto per il suo design funzionale...


Paolo Rizzatto
Designer, imprenditore, grande pensatore - Paolo Rizzatto riunisce...


Ross Lovegrove
Ross Lovegrove nato, nel 1958 a Cardiff, in Galles, è un designer...


Le lampade di Luceplan – multipremiate per il loro design e la loro illuminotecnica

La collaborazione con i maggiori designer e progettisti industriali internazionali si è rivelata estremamente fruttuosa per Luceplan. Numerose lampade del produttore italiano hanno già ottenuto prestigiosi premi di design. L’azienda è riuscita ad aggiudicarsi più volte, fra l’altro, il Compasso d’Oro, uno dei premi più importanti in questo campo. A soli tre anni dalla fondazione della società, Luceplan riesce ad ottenere il primo Compasso d’Oro per la singolare lampada da parete D7. D7 si presenta come una soluzione illuminotecnica flessibile ed orientabile, che sa diffondere una luce precisa e direzionale. Si tratta d’una luce diretta, proiettata verso il basso – ideale per esempio come illuminazione di zona per le scrivanie. Allo stesso tempo, un’apertura aggiuntiva sulla parte superiore permette la fuoriuscita d’una certa quantità di luce anche verso l’alto, permettendo dunque alla D7 d’illuminare la stanza. Il prossimo Compasso d’Oro ha ricevuto Luceplan nel 1987 con il duo Rizzatto/Meda: la lampada da tavolo Berenice, già citata, fu premiata per la

sua elevata funzionalità e il suo design moderno.

Meda e Rizzatto conseguirono nel 1989 anche il prossimo Compasso d’Oro. La lampada da terra Lola presenta un design moderno e minimalista, il cui punto forte è la luce che si lascia dirigere in base alle proprie esigenza, grazie alla testa orientabile. Nel 1994 è la volta della lampada da parete Metropoli ad essere premiata con il Compasso d’Oro. Metropoli è un’opera collettiva tra i fondatori Sarfatti e Rizzatto in collaborazione con Alberto Meda. Questa lampada dalla forma rotonda, ricorda l’oblò d’una nave. Nel 2005 la coppia Rizzatto/Meda esplora nuove strade riguardo all’illuminazione sul posto di lavoro creando, con la
lampada da scrivania Mix, una soluzione illuminotecnica particolarmente efficiente.
Con la Mix, Luceplan s’assicura l'assegnazione di un nuovo titolo, dal momento che questa lampada oltre al Compasso d’Oro, vince anche il Design Plus Award.

Nel 2009 vide la luce l’eccezionale
lampada a sospensione Hope, disegnata dall’ambizioso designer
Francisco Gómez Paz, con l’aiuto di Paolo Rizzatto. La Hope si rivelerà un grande successo, che sarà insignita di diversi e prestigiosi premi. Oltre, dunque, al Compasso d’Oro, Luceplan s’aggiudica con Hope il Good Design Award e il premio tedesco Red Dot Award. Tra le più famose lampade di Luceplan, troviamo le famiglie di lampade Costanza e Costanzina. Entrambe le famiglie di lampade comprendono diverse tipologie di lampade, tra cui lampade da parete, sospensioni e lampade da tavolo. Costanza e Costanzina convincono, soprattutto, per il loro aspetto classico e il loro paralume di forma tradizionale, che proietta la luce verso il basso. Allo stesso tempo, la luce si diffonde da un’apertura sulla parte superiore anche verso l’alto, illuminando in modo tenue l’ambiente. Entrambe le lampade di Luceplan, dall’innegabile successo commerciale, devono il suo design a Paolo Rizzatto.


Premi di design


Compasso d'Oro
Il premio italiano viene assegnato dal 1954 ed è…


Good Design Award
Dal 1954, il Good Design Award viene assegnato dal Chicago Athanaeum…


Red Dot Award
Il famoso premio internazionale Red Dot Design Award conta tra i più...


Le lampade di Luceplan – fedeli alla tradizione e rivolte al futuro

Fondata da un trio d’architetti, molte lampade di Luceplan si presentano con una particolare rilevanza architetturale. Al fine d’ampliare l’illuminazione architetturale, Luceplan lancia nel 2006 la marca "Elementi di Luceplan", che riscontra un grande successo, che oggi è rappresentata a livello mondiale. Dal 2010, Luceplan fa il suo ingresso nel portfolio Philips, ma continua ad essere un marchio indipendente.

Il carattere senza tempo e la lunga durata dei prodotti rendono le lampade di Luceplan una soluzione illuminotecnica altamente apprezzata, soprattutto, per gli edifici pubblici. La multipremiata Metropoli serve, per esempio, per illuminare il Museo di Anne Frank ad Amsterdam. Sulle scrivanie dei redattori del New York Times troneggia la lampada da tavolo Berenice. Inoltre, alcune lampade di Luceplan sono esposte in musei famosi, tra cui nel celebre Museum of Modern Art (MoMA) di New York.

Con una particolare attenzione alla sostenibilità dei prodotti, che affascinano per il loro design

senza tempo, Luceplan segue una tradizione che è alla base della filosofia aziendale. Allo stesso tempo, il celebre produttore italiano non perde di vista il futuro, concentrandosi sullo sviluppo di progetti illuminotecnici all'avanguardia. La lampada a sospensione Titania di grande successo del 1989 era già in anticipo sui tempi, grazie al suo design futuristico ed al suo sofisticato effetto di luce. La straordinaria lampada Titania rappresenta ancora oggi – dopo circa 25 anni -  un apparecchio d’illuminazione all’avanguardia, caratterizzato da un design moderno. Ormai le ultime novità di Luceplan sono dotate della tecnologia a LED ad alta efficienza energetica. Oltre alla già citata Mix Tavolo, troviamo la lampada da scrivania Otto Watt, un’altra creazione dell’instancabile Alberto Meda. Il suo nome dice tutto: ha bisogno di soli 8 watt per produrre un flusso luminoso di 330 lumen, come attesta appunto il nome della lampada "Otto Watt". La sua grande particolarità: come lampada da lavoro all’avanguardia, Otto Watt si presenta con una temperatura di colore variabile, regolabile da 2400 kelvin a 3500 kelvin,
che consente di variare la temperatura

da luce bianca calda a luce bianca neutra.

Tra le novità di Luceplan, troviamo la famiglia di lampade il cui design e la cui costruzione sono appositamente progettati per l'utilizzo dei LED. L’eccezionale lampada da terra Tango, dalla linea filiforme e dal design quasi scultoreo, rappresenta un ponte tra illuminazione e oggetto di design. Il design sottile è possibile soltanto attraverso l'uso di moduli compatti a LED. Anche la lampada da scrivania Tivedo utilizza la tecnologia a LED ad alta efficienza energetica, e, quindi, rappresenta una lampada del futuro ideale per gli uffici. Tivedo, oltre alla versione base, è disponibile anche con un pratico sensore di presenza, che spegne automaticamente la lampada se la stanza rimane vuota per un periodo prolungato. Ormai anche molti classici sono stati dotati da Luceplan di tecnologia a LED. Troviamo per esempio la Berenice LED, la Fortebraccio LED o la Costanza Terra LED, tutte dotate di diodi a emissione luminosa, che garantiscono un ottimo risparmio energetico.

Torna su